Per la progettazione impianto irrigazione ti consigliamo di rivolgerti a una ditta specializzata che possa consigliarti quello più adatto alle tue esigenze, e soprattutto che possa installartelo senza rischi. Gli operatori di Roma Service Group sono altamente qualificati, contattaci gratuitamente per richiederci un preventivo.

Ecco un elenco degli impianti di irrigazione disponibili: lasciati indirizzare in base alle reali esigenze del tuo giardino, orto o campo coltivato.

L’acqua si riversa sul campo in pendenza grazie a un fossetto adduttore perfettamente orizzontale, denominato “adacquatrice”, posto a monte del campo, e scorre sulla superficie da irrigare sotto forma di un velo sottile e uniforme fino a raggiungere il grado di saturazione desiderato per il terreno. L’acqua eventualmente in eccesso viene raccolta a valle del campo mediante un fossetto colatore.

Il metodo d’irrigazione a solco è il più antico: oggi, questo metodo è tra i sistemi di irrigazioni più popolari. I solchi fanno fluire l’acqua tra le colture: questo metodo è semplice ed economico, e se il solco è sapientemente gestito può essere anche abbastanza efficiente.

L’irrigazione ad ala gocciolante, o irrigazione a goccia, prevede l’installazione di erogatori che somministrano l’acqua lentamente, depositandola sulla superficie del terreno contigua alla pianta o direttamente alla radice. Ciò avviene tramite un sistema a rete di valvole, condotti e tipi diversi di gocciolatori.

Il sistema di irrigazione per nebulizzazione è un sistema di irrigazione a gravità: avviene per mezzo di irrigatori di piccole dimensioni che attuano il processo di nebulizzazione dell’acqua. Questo sistema simula la pioviggine, funzionale perché ricopre interamente le piante.

Un impianto di irrigazione per aspersione, o a pioggia, è composto da una fonte irrigua (pozzo o canale), una pompa, le tubazioni e gli irrigatori. Può essere adottato su ogni tipo di terreno, non richiedendo particolari prerequisiti. Nel caso di impianti fissi, si ha un notevole risparmio di manodopera in quanto gli impianti stessi sono facilmente automatizzabili.

L’irrigazione per infiltrazione laterale è un sistema di irrigazione in cui l’acqua viene somministrata per mezzo di solchi scavati nel terreno tra i filari delle piante. Da canalette o tubazioni l’acqua arriva nei solchi, vi scorre e penetra nel terreno infiltrandosi sia lateralmente che in profondità. Le dimensioni dei solchi (lunghezza, larghezza e profondità) dipendono dal numero delle piante e dalla natura del terreno.

L’irrigazione per sommersione fa parte dei sistemi di irrigazione a gravità. Il campo sul quale viene applicato prevede alcune sistemazioni come la creazione di argini (di 30-40 cm d’altezza e larghezza di 40-50 cm in sommità) che circondino l’appezzamento interessato e il livellamento del campo stesso. Questa tecnica è utilizzata per la coltura del mais.

Un impianto di irrigazione interrata è formato da una rete di tubazioni sotterranee che collegano tra di loro vari irrigatori a scomparsa. Questo impianto è azionato da una centralina che comanda apertura/chiusura e durata di ogni irrigazione. All’apertura dell’impianto gli irrigatori, grazie alla pressione dell’acqua, fuoriescono dal terreno per poi scomparire al termine dell’irrigazione.

L’irrigazione umettante è finalizzata a incrementare l’umidità del terreno, quando gli apporti idrici naturali e le riserve immagazzinate sono insufficienti a coprire il fabbisogno delle colture. In questi casi, l’umidità del terreno rappresenta un fattore limitante, perciò la tecnica incrementa la produttività di un terreno agrario offrendo come risultato un netto miglioramento della resa del terreno.

Contattaci gratuitamente

Progettazione impianto irrigazione: scegli quello giusto
 
 
CHIAMA SUBITO 0694802005
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

0694802005